SULLA PELLE DEL MARE. TRA MIGRAZIONE, MEMORIA E FUTURO di PASSARO GIANLUIGI
SULLA PELLE DEL MARE. TRA MIGRAZIONE, MEMORIA E FUTURO - PASSARO GIANLUIGI

SULLA PELLE DEL MARE. TRA MIGRAZIONE, MEMORIA E FUTURO

PASSARO GIANLUIGI

MORETTI E VITALI

15,00
  • Macrosettore: LAVORO-SOCIALE-DIPENDENZE
  • Settore: MULTICULTURALISMO
  • Collana: AMORE E PSICHE   nà 1
  • Data di pubblicazione: 03/06/2021
  • Prezzo di listino: 15,00
  • Disponibilità: Disponibile in libreria
  • Reperibilità:
  • ISBN: 9788871868271

Abstract / quarta di copertina

Gli innumerevoli naufragi degli ultimi anni al largo delle coste italiane ci restituiscono il tragico rischio che le persone migranti sono disposte a correre per guadagnare la possibilità di un futuro e, al contempo, evidenziano con forza le responsabilità di chi, sulla riva dell'Europa, è invitato a contemplare la propria e l'altrui alterità così da accogliere, cambiare e lasciarsi cambiare. Questo libro racconta del percorso terapeutico di un giovane uomo, Ouro, del suo viaggio di migrazione dal Togo all'Italia e, soprattutto, del viaggio intimo ed esistenziale intrapreso per avverare la sua "fiaba interiore" ? la propria autentica essenza ?, per compiere ciò che Jung ha definito cammino di individuazione. L'idea di psicoterapia che qui si propone è quella di un incontro di storie e di narrazioni, di uno spazio e di un luogo intimi in cui è possibile ri-raccontarsi per tracciare nuovi significati e nuove prospettive. La psicoterapia sarà uno dei luoghi in cui rivivere il ricongiungimento poetico con l'altro da sé per mezzo del quale è possibile scorgere la sostanza stessa dell'umano. Il processo terapeutico sarà promosso dalla dimensione immaginale della vita e dalla finzione narrativa creata dalla coppia terapeutica attraverso il Disegno Narrativo Condiviso (Dnc) e grazie al racconto di credenze, riti e fiabe della terra di Ouro. Per partecipare alla vita bisogna fare di essa un cammino, una migrazione tra luoghi di anima differenti, per contribuire ? assieme a coloro che si incontrano ? a migliorare il mondo, a continuarne il racconto, ad avverare storie, perché, al fondo, prestare ascolto alla storia di un altro vuol dire rendere la propria reale.