ALTRI LITIGANO PER GELOSIA. NOI PER GATTI, FIORI, FOTO E RISTORANTI (GLI) di LUCARELLI SELVAGGIA; BIAGIARELLI LORENZO
ALTRI LITIGANO PER GELOSIA. NOI PER GATTI, FIORI, FOTO E RISTORANTI (GLI) - LUCARELLI SELVAGGIA; BIAGIARELLI LORENZO

ALTRI LITIGANO PER GELOSIA. NOI PER GATTI, FIORI, FOTO E RISTORANTI (GLI)

LUCARELLI SELVAGGIA; BIAGIARELLI LORENZO

CAIRO

16,50
  • Macrosettore: NARRATIVA
  • Settore: NARRATIVA
  • Collana: QUANTE STORIE   nà 0
  • Data di pubblicazione: 16/05/23
  • Prezzo di listino: 16,50
  • Disponibilità: Non presente in libreria
  • Reperibilità: Reperibile in pochi giorni
  • ISBN: 9788830902664

Abstract / quarta di copertina

«L'amore non è bello se non è litigarello.» Così ci ricorda un melenso adagio e così proviamo a trovare consolazione noi poveri mortali quando affrontiamo litigi di coppia, dove la gelosia o i problemi pratici creano crepacci, silenzi e rotture spesso insuperabili. In questo libro scritto a quattro mani, invece, i nostri autori ci dimostrano come si può essere perfettamente allineati e in armonia su temi seri e problematiche importanti, per poi riempirsi di mazzate - metaforicamente, ben inteso - su argomenti improbabili e situazioni nate spesso da azioni mal calcolate, anche se partorite con fini amorevoli. Fiori, pavimenti, gatti e ristoranti sono temi sensibili per Selvaggia e Lorenzo, che - con una scrittura parimenti ironica, pungente e divertente - ci fanno un minuzioso reportage delle loro litigate epiche, ognuno con la propria versione dei fatti, ognuno senza alcuna intenzione di cedere terreno alle spiegazioni e alle giustificazioni dell'altro. Il risultato è un libro che è un po' un duello, sciabolate di qui e fiorettate di là, nessun colpo al cerchio né tantomeno alla botte, dove ognuno tiene la propria posizione senza arretrare di un passo e dove non esiste un giudice per decretare un vincitore. O meglio, l'editore l'avrebbe voluto, un giudice, che una morale della storia piace sempre, un eventuale accordo di pace anche, ma ha presto capito che gli conveniva avvalersi di un altro proverbio melenso, quello che suggerisce «tra moglie e marito non mettere il dito». O anche che «i panni sporchi si lavano in casa». Editrice, in questo caso.