LINGUAGGIO DEL SILENZIO. DECODIFICARE I SUOI MESSAGGI NELLA COMUNICAZIONE AFFETT di CASTOLDI IVANA
LINGUAGGIO DEL SILENZIO. DECODIFICARE I SUOI MESSAGGI NELLA COMUNICAZIONE AFFETT - CASTOLDI IVANA

LINGUAGGIO DEL SILENZIO. DECODIFICARE I SUOI MESSAGGI NELLA COMUNICAZIONE AFFETT

CASTOLDI IVANA

FELTRINELLI

14,00
  • Macrosettore: PSICOLOGIA
  • Settore: PSICOLOGIA-EMOZIONI
  • Collana: URRA   nà 0
  • Data di pubblicazione: 07/06/2022
  • Prezzo di listino: 14,00
  • Disponibilità: Disponibile in libreria
  • Reperibilità:
  • ISBN: 9788807091698

Abstract / quarta di copertina

Il silenzio può essere davvero inquietante. Spesso lo associamo alla solitudine, alla depressione, all'assenza di interazione con gli altri. Può generare ansia, imbarazzo, equivoci, paure. Raramente lo associamo alla calma interiore, a un intimo benessere, all'ascolto e alla condivisione. In effetti, il silenzio ci parla in molti modi diversi. Spesso è più efficace di tante parole e può aiutarci a stabilire con gli altri un contatto più coinvolgente e appagante, a volte è la pietra tombale di un legame. Certo, ci vuole pratica per distinguerne le voci e i messaggi. Dobbiamo acquisire capacità di ascolto, di analisi e di comprensione dei propositi, delle aspettative e dei sentimenti tacitamente comunicati. Vagliare stati d'animo, richieste implicite e intimi desideri di cui, spesso, non sono consapevoli neppure gli stessi depositari è un compito impervio, soprattutto in campo affettivo, contesto in cui fraintendimenti e incomprensioni possono arrecare danni incalcolabili. Non tutti gli individui sperimentano un'esigenza ugualmente intensa di vicinanza e di intima partecipazione alla sfera affettiva altrui. Alcuni sono portati a una dimensione esistenziale più solitaria: utilizzano il silenzio per entrare in contatto più profondo con se stessi, con il proprio mondo interiore. Altri lo utilizzano come meccanismo di difesa, di fuga o di temporaneo blackout, quando si sentono incalzati da presenze e pressioni esterne. Ma sempre di comunicazione si tratta: il silenzio esiste come assenza di suoni, ma non può esistere come assenza di comunicazione. Ascoltiamolo.