MANUALE DELLA FINE DEL MONDO. IL TRAVAGLIO DELL'EUROPA MEDIEVALE di CANTARELLA GLAUCO MARIA
MANUALE DELLA FINE DEL MONDO. IL TRAVAGLIO DELL'EUROPA MEDIEVALE - CANTARELLA GLAUCO MARIA

MANUALE DELLA FINE DEL MONDO. IL TRAVAGLIO DELL'EUROPA MEDIEVALE

CANTARELLA GLAUCO MARIA

EINAUDI

32,00
  • Macrosettore: SAGGISTICA
  • Settore: STORIA-MEDIEVALE
  • Collana: EINAUDI. STORIA   nà 58
  • Data di pubblicazione: 17/02/2015
  • Prezzo di listino: 32,00
  • Disponibilità: Non presente in libreria
  • Reperibilità: Reperibile in pochi giorni
  • ISBN: 9788806218270

Abstract / quarta di copertina

È un grande falso storiografico quello della paura della fine del mondo in prossimità dell'avvento dell'anno Mille. Ma è indubbio che gli uomini di mille anni fa hanno dovuto vivere in mezzo alla fine del loro mondo: cambiamenti incessanti che hanno tarlato quel mondo, con aggiustamenti continui, che hanno inseguito la stabilizzazione ottenendola solo in apparenza. E alla fine hanno fatto esplodere il mondo e sono stati all'origine di mutamenti epocali, di lunghissimo periodo: la lotta fra Impero e Papato, la centralità dell'esperienza monastica, i primi germi dei regni d'Inghilterra e di Spagna, il movimento dei Comuni in Italia. Con l'allargamento progressivo dei confini del vecchio spazio europeo e con l'estensione delle aree di conoscenza, ad esempio l'"invenzione" della filosofia. Nel secolo XII sarebbe ormai molto difficile riconoscere le tracce del mondo di partenza, quello che si proponeva come la forma definitiva del mondo, e in realtà si cercava disperatamente di regolare perché garantisse la pace. Una crisi continua, popolata di soggetti nuovi, per cerniere successive da un passaggio all'altro che ha portato alle origini della modernità. Il tutto entro un'unica, grande cerniera: quella del passaggio dal mondo tardo-antico e primo-medievale a quello tardo-medievale e moderno, in cui i protagonisti cambiano o si moltiplicano. Tra Ottone III (1001) e Innocenzo III (1199) due secoli in cui quel mondo è finito, definitivamente relegato nel passato.