QUELLO DI CUI LA NATURA NON HA BISOGNO. LINGUAGGIO, MENTE ED EVOLUZIONE di BICKERTON DEREK
QUELLO DI CUI LA NATURA NON HA BISOGNO. LINGUAGGIO, MENTE ED EVOLUZIONE - BICKERTON DEREK

QUELLO DI CUI LA NATURA NON HA BISOGNO. LINGUAGGIO, MENTE ED EVOLUZIONE

BICKERTON DEREK

ADELPHI

32,00
  • Macrosettore: SCIENZE-COGNITIVE-NEUROSCIENZE
  • Settore: SCIENZE-COGNITIVE---NEUROSCIENZE
  • Collana: BIBLIOTECA SCIENTIFICA   nà 66
  • Data di pubblicazione: 17/03/2022
  • Prezzo di listino: 32,00
  • Disponibilità: Disponibile in libreria
  • Reperibilità:
  • ISBN: 9788845936593

Abstract / quarta di copertina

Noto per aver formulato, in parallelo a Darwin, una teoria evoluzionistica «per selezione naturale», Alfred Wallace ne coglieva fin dall'inizio uno dei limiti principali: l'incapacità di spiegare perché la nostra specie abbia acquisito una mente «di gran lunga più potente» rispetto alle necessità adattative. Domanda ingombrante, a cui lo stesso Darwin tentava di rispondere ipotizzando che quella ridondanza cognitiva fosse l'esito «dell'uso continuo di un linguaggio perfetto». Congelato per oltre un secolo e riaffiorato solo negli ultimi anni, il «problema di Wallace» ha trovato infine una convincente soluzione in questo libro. Riconsiderando punti di forza e carenze delle principali teorie sull'argomento, Bickerton ricolloca il linguaggio nell'alveo evoluzionistico e individua tre fasi decisive per il suo sviluppo: quella della generazione nel cervello di «rappresentazioni di unità simboliche», innescata dalla comunicazione dislocata necessaria per il reclutamento di alleati nella saprofagia conflittuale; quella della riorganizzazione neurale in rapporto alle sollecitazioni ambientali, in cui il cervello ridisegna le proprie connessioni in modo da collegare le parole ai concetti appropriati; e quella culturale, in cui un processo di elaborazione grammaticale sviluppa unità sintattiche elementari in altre più ampie. Bickerton riesce così ad attualizzare la risposta di Darwin al «problema di Wallace», delineando un nuovo orizzonte: «Linguaggio e cognizione (almeno quegli aspetti della cognizione propri degli esseri umani) sono cresciuti a partire da un'origine comune e hanno le stesse fondamenta». La locuzione 'Homo sapiens loquens' sarebbe dunque molto più di un gioco di parole.