RICREAZIONE E' FINITA. SCEGLIERE COSA STUDIARE E DOVE PER CRESCERE OCCUPATI E FE di ABRAVANEL ROGER; D'AGNESE LUCA
RICREAZIONE E' FINITA. SCEGLIERE COSA STUDIARE E DOVE PER CRESCERE OCCUPATI E FE - ABRAVANEL ROGER; D'AGNESE LUCA

RICREAZIONE E' FINITA. SCEGLIERE COSA STUDIARE E DOVE PER CRESCERE OCCUPATI E FE

ABRAVANEL ROGER; D'AGNESE LUCA

RIZZOLI

10,00
  • Macrosettore: DISABILITA'-AUTISMO-DSA-SCUOLA
  • Settore: ORIENTAMENTO
  • Collana: BUR BEST BUR   nà 0
  • Data di pubblicazione: 17/03/2016
  • Prezzo di listino: 10,00
  • Disponibilità: Disponibile in libreria
  • Reperibilità:
  • ISBN: 9788817087599

Abstract / quarta di copertina

La disoccupazione giovanile nel nostro Paese ha cause ben più profonde e lontane della crisi economica. Il problema è che i ragazzi italiani non sono preparati al lavoro del Ventunesimo secolo. E le famiglie, con i loro pregiudizi, stereotipi e luoghi comuni, sono spesso le prime fabbriche di disoccupati. Quello che i datori di lavoro cercano oggi nei giovani è molto diverso da ciò che volevano cinquant'anni fa: meno "mestiere" e più senso di responsabilità, spirito critico e capacità di comunicare con gli altri. Per questo i genitori non riescono a capirlo. E per questo la scuola e l'università, a parte poche eccezioni, non riescono a insegnarlo. Ma i giovani italiani e le loro famiglie non possono aspettare la riforma epocale di cui l'istruzione italiana avrebbe bisogno. Hanno domande alle quali è urgente dare una risposta. Quale percorso scolastico scegliere? Perché la laurea non basta più? Quali esperienze extrascolastiche sono più utili? Come trovare il lavoro giusto? Come si può correggere il tiro quando il percorso scelto non porta i risultati sperati? Roger Abravanel e Luca D'Agnese, attraverso l'analisi dei dati più significativi sull'istruzione e sull'occupazione, interviste a imprenditori e responsabili delle risorse umane e racconti in presa diretta di tanti ragazzi che "ce l'hanno fatta", mostrano come questo sia possibile. Si deve provare da soli a costruire il percorso migliore per sé, perché disegnare il proprio futuro si può.