UOMO E I SUOI SIMBOLI (L') di JUNG CARL GUSTAV
UOMO E I SUOI SIMBOLI (L') - JUNG CARL GUSTAV

UOMO E I SUOI SIMBOLI (L')

JUNG CARL GUSTAV

CORTINA RAFFAELLO

29,00
  • Macrosettore: PSICOANALISI E PSICOTER.ANALITICHE
  • Settore: PSICOLOGIA ANALITICA
  • Collana: FUORI COLLANA   nà 0
  • Data di pubblicazione: 18/06/2020
  • Prezzo di listino: 29,00
  • Disponibilità: 5-7 giorni
  • ISBN: 9788832851786

Abstract / quarta di copertina

Il principale contributo di Jung alla conoscenza della psiche umana è stato il concetto di inconscio come vero e proprio "mondo", altrettanto reale e vitale del mondo conscio e "riflessivo" dell'ego, ma infinitamente più esteso e ricco: solo conoscendo e accettando l'inconscio l'uomo può realizzarsi completamente. Il linguaggio e i "personaggi" dell'inconscio sono i simboli, e i sogni i suoi mezzi di comunicazione. Ogni sogno è una comunicazione diretta, personale e significativa rivolta al soggetto sognante, che fa uso di simboli comuni a tutti gli uomini, ma trasmessi con una modalità assolutamente personale e dunque interpretabili solo in chiave individuale. Jung non volle essere l'unico autore del libro: volle che esso costituisse lo sforzo collettivo di un gruppo di stretti collaboratori e discepoli ai quali aveva cercato di trasmettere i suoi metodi e il suo insegnamento: Marie-Louise von Franz, Joseph L. Henderson, Aniela Jaffé e Jolande Jacobi. All'età di ottantatré anni, Jung ideò l'intero piano dell'opera e dedicò gli ultimi mesi della sua vita a elaborare il suo contributo e alla redazione delle parti scritte dai quattro collaboratori. Dopo la sua morte Marie-Louise von Franz si assunse la responsabilità complessiva della conclusione del lavoro secondo le esplicite istruzioni date da Jung.