MARE D'AMORE. EROS, TEMPESTE E NAUFRAGI NELLA GRECIA ANTICA (IL) di IERANO' GIORGIO
MARE D'AMORE. EROS, TEMPESTE E NAUFRAGI NELLA GRECIA ANTICA (IL) - IERANO' GIORGIO

MARE D'AMORE. EROS, TEMPESTE E NAUFRAGI NELLA GRECIA ANTICA (IL)

IERANO' GIORGIO

LATERZA

18,00
  • Macrosettore: NARRATIVA
  • Settore: MITI E LEGGENDE
  • Collana: I ROBINSON. LETTURE   nà 0
  • Data di pubblicazione: 07/11/2019
  • Prezzo di listino: 18,00
  • Disponibilità: 5-7 giorni
  • ISBN: 9788858138700

Abstract / quarta di copertina

La tempesta d'amore, l'onda della passione, l'amante come naufrago. Il desiderio erotico ha un suo lessico marinaro che è entrato anche nel linguaggio comune. Ma il rapporto indissolubile fra l'amore e il mare nasce nella Grecia antica. Nelle saghe della mitologia gli amanti eroici (Teseo e Arianna, Giasone e Medea, Paride ed Elena) solcano le onde sospinti dal vento del desiderio. Isole e scogli sono spesso scenari dei drammi amorosi e un tuffo tra le acque, come quello di Saffo dalla favolosa rupe di Leucade, sigilla talvolta una storia infelice. Sullo sfondo c'è il culto della dea Afrodite che, per i greci, non era solo la divinità dell'amore ma anche una signora dei mari e una protettrice della navigazione. Tramite le parole dei poeti, dai lirici greci alle elegie di Ovidio, l'immagine del mare d'amore ha attraversato i secoli. Alla radice, un nucleo profondo, un senso drammatico dell'esistenza umana. C'è l'antica consapevolezza che oscure potenze divine, come il tremendo Eros, possono in ogni momento sconvolgere la vita dei mortali, vanificando ogni orgogliosa pretesa di autosufficienza. E c'è il senso, tipicamente greco, della vita come esperienza aperta e mai risolta, come scacchiera su cui il destino o il caso giocano la loro partita. Non solo in amore, ma in ogni nostra vicenda, la tempesta è sempre in agguato.