SENTIERO DEI NIDI DI RAGNO. CON IL RACCONTO INEDITO FLIRT PRIMA DI BATTERSI (IL) - CALVINO ITALO; BARENGHI M. (CUR.)

SENTIERO DEI NIDI DI RAGNO. CON IL RACCONTO INEDITO FLIRT PRIMA DI BATTERSI (IL)

CALVINO ITALO; BARENGHI M. (CUR.)

MONDADORI

13,50
  • Macrosettore: NARRATIVA
  • Settore: CLASSICI ITALIANI
  • Collana: OSCAR MODERNI. CULT   nà 0
  • Data di pubblicazione: 19/05/2020
  • Prezzo di listino: 13,50
  • Disponibilità: Disponibile in libreria
  • ISBN: 9788804724889

Abstract / quarta di copertina

«Un ragazzo del carrugio, sboccato e innocente, cencioso e maligno, fratello di una prostituta e ruffianello di tutti i volenterosi di passaggio, vien messo su contro i tedeschi e ruba a un marinaio, ch'è in camera con la sorella, la pistola. Tutto nasce di qua. Pin, che dei grandi si fa beffe, vuole tenersi la pistola e la nasconde tra i "nidi di ragno", un posto che sa lui.» Così Cesare Pavese, nel 1947, presenta "Il sentiero dei nidi di ragno", che di Calvino è il romanzo d'esordio e il primo capolavoro. A farlo "diventare Calvino" è stata l'esperienza della guerra: «La partecipazione alla Resistenza» scrive Mario Barenghi «segna per lui una decisiva maturazione sul piano umano, prima ancora che intellettuale. Ora sa di avere da raccontare cose importanti; il problema è trovare la chiave giusta, la giusta angolazione». Una tappa di questa ricerca - ripercorsa dallo stesso Calvino in quella vera e propria bussola per il lettore e lo studioso che è la Prefazione 1964 al "Sentiero dei nidi di ragno" - è il racconto del 1946 "Flirt prima di battersi". Rimasto finora inedito, ma presente in diversi progetti narrativi di Calvino, è la storia di un amore acerbo e controverso, troncato dalla scelta del protagonista di unirsi alla lotta partigiana. Un protagonista nel quale non è difficile riconoscere tratti dell'autore stesso: «Ero stato, prima d'andare coi partigiani, un giovane borghese sempre vissuto in famiglia; il mio tranquillo antifascismo era prima di tutto opposizione al culto della forza guerresca, una questione di stile, di "sense of humour", e tutt'a un tratto la coerenza con le mie opinioni mi portava in mezzo alla violenza partigiana, a misurarmi su quel metro. Fu un trauma, il primo...».